Mostra: l'astrattismo di Angiolo Montagna

Mostra: l'astrattismo di Angiolo Montagna

Mostra: l'astrattismo di Angiolo Montagna

Home » News » Mostra: l'astrattismo di Angiolo Montagna

Mostra: l'astrattismo di Angiolo Montagna

Mostra: l'astrattismo di Angiolo Montagna

mostra vicenza angiolo montagnaLe opere di Angiolo Montagna sono sospese tra figurazione e astrazione.
Pittore che rappresenta una figura chiave della crescita artistica del territorio, non solo per il riflesso delle sue opere artistiche, ma anche direttamente per il suo impegno consapevele di educatore, attivo soprattuto della libera Scuola V.E Marzotto.
A lui, gli assesorati della cultura del Comune di Vicenza e Valdagno dedicano una doppia retrospettiva.
Nello spazio LAMeEC, dentro la Basilica Palladiana di Vicenza, saranno esposte le opere del suo periodo di maggior fermento creativo degli anni '50-'60, mentre alla Galleria Civica Villa Valle di Valdagno verranno presentate sia le opere della sua prima giovinezza che quelle della sua piena maturità artistica riscontrabile negli anni '70-'90.

La celebrazione della sua figura è un viaggio utile a scoprire non solo il territorio di Valdagno ma anche il legame fra cultura formazione e sviluppo.

La mostra vicentina sarà inaugurata Venerdì 12 marzo alle 18 presso la Sala del consiglio comunale di Vicenza e chiuderà il 18 aprile. Sarà possibile visitarla dal martedì alla domenica con i seguenti orari: dalle 10:30 alle 13 e dalle 15 alle 19.
La sezione ospitata a Valdagno aprirà il 20 marzo alle 18 e potrà essere visitata fino al 2 maggio, dal martedì al sabato solo dalle 16 alle 19 e nei giorni festivi anche dalle 10:30 alle 12 e 30. Entrambe le sedi sono a ingresso libero.


LAMeC  12 marzo- 18 aprile
da martedì a domenica 10:30-13  15-19

Galleria Civica Villa Valle Valdagno 20 marzo - 2 maggio
da martedì al sabato 16-19
domenica e festivi 10:30-12  16-19

Ingresso libero

Torna all'indice news
Torna indietro