Marostica

Marostica

Marostica

Home » News » Marostica

Marostica

Marostica

Marostica e gli scacchi

MarosticaLa città di Marostica a soli 30 Km da Vicenza, è famosa come la "città degli scacchi", e ogni anno attira numerosi turisti con questo appassionante sport. Lo pseudonimo è dovuto ad una lontana leggenda, secondo la quale Rinaldo da Angarano e Vieri da Vallonara nel 1454 giocarono una partita con scacchi viventi su una scacchiera dipinta nella piazza del Castello, per conquistare la mano di Lionora, la figlia del castellano Taddeo Parisio, e di cui entrambi erano perdutamente innamorati. Si narra che nel 1454, quando Marostica era sotto il dominio della Repubblica di Venezia, Rinaldo e Vieri si erano innamorati follemente della bella Lionora, e per la sua mano si sfidarono a duello com'era tradizione. Ma Taddeo, padre di Lionora, che non voleva perdere nessuno dei due validi giovanotti decise che si sarebbero dovuti sfidare ad una partita di scacchi. Alla partita accorsero numerosi cavalieri e ambasciatori, e Vieri di Vallonara riuscì a sconfiggere il suo avversario e a conquistarsi la mano della bella Lionora. A Rinaldo D'Angarano, quasi come premio di consolazione, fu data in sposa l'altra figlia di Taddeo Parisio, Oldrada.
A ricordare questa leggenda, ogni 2 anni, si ripete la partita nella stessa piazza con costumi tipici del 400. Oggi come allora, dame e cavalieri, giocolieri e sputafuoco, sfilano davanti ai vostri occhi, per rinnovare le passioni di un'antica e incantevole storia d'amore.
La partita a scacchi si ripete nel secondo weekend di settembre, e solo negli anni pari. Mentre i preziosi costumi sono esposti tutto l'anno al Castello inferiore.



Torna all'indice news
Torna indietro